Accesso riservato

Profilo biografico: Roberto Bonfiglioli

Roberto Bonfiglioli M
20/04/1926, Recco (GE), Italia
Subito dopo l'8 settembre si unisce ad un gruppo di giovani antifascisti raccoltisi a Recco attorno ad Aldo Bianco assumendo lo pseudonimo di Ruby. Continua ad agire nella zona fino al maggio 1944, mantenendo i collegamenti tra i diversi ambienti antifascisti. Entra poi a fare parte della formazione Giustizia e Libertà sotto il comando di Antonio Zolesio (Umberto Parodi), dislocata tra il fiume Trebbia, Aveto e la Val Fontanabuona, con epicentro nel paese di Barbagelata. A fine maggio, mentre da Moconesi stava portando un messaggio a quello che sarebbe divenuto il Comando Militare Ligure, viene arrestato dalla Gnr e condotto alla questura di Genova , ove è sottoposto a pesanti interrogatori. Nel tragitto verso la Casa dello Studente riesce a fuggire e a tornare alla sua formazione.
Ripresosi dalle violenze subite, partecipa alla liberazione di prigionieri politici ed ebrei rinchiusi nel campo di Calvari. Nuovamente arrestato in novembre da reparti della Divisione Monterosa , anche questa volta riesce a fuggire, raggiungendo la 5a Armata americana sul fronte delle Apuane. Arruolatosi nel nuovo esercito italiano, fa parte del Gruppo di Combattimento Cremona, impegnato con l'8a Armata britannica sul fronte dell'Adriatico. Partecipa ai combattimenti del Po di Primaro, alla Battaglia del Senio e alla liberazione di Chioggia e Venezia. È stato presidente dell' Anpi provinciale di Genova e segretario dell'Anpi Nazionale.


Citazioni di o su Roberto Bonfiglioli in Monografia

Dizionario della Resistenza in Liguria. Protagonisti, luoghi, eventi, organismi, formazioni, F. Gimelli, P. Battifora (cur.), Genova, De Ferrari, 2007, pp.399


21/09/2015
visualizza

Visualizza i contributi lasciati su questo documento

Come citare questa fonte. Bonfiglioli, Roberto  in Archos Biografie [IT BP715]
Ultimo aggiornamento: venerdì 21/4/2017