Accesso riservato

Fascicolo: Processo contro Catino Sergio (RG. N. 213/1945)

C00/00962/01/01/00086
Processo contro Catino Sergio (RG. N. 213/1945)
Processo contro Catino Sergio (RG. N. 213/1945)

Organo giudicante: Corte d’Assise Straordinaria di Torino – Sez. 3°
- Presidente: Dott. Livio Enrico
- Giudici popolari: Gino Pelazzi, Alessandro Camuffo Cattani, Lamberto Ghignoli, Antonio Lanfranco

Procura del Re di Torino: PM: Dott. Rivero

Imputati:
n. 1: Sergio Catino

Parti lese:
1 (1 uomo); tipologia (status): 1 civile: Giovanni Montanaro.

Principali fatti contestati nel processo:
- Data e luogo del fatto: dall’08 settembre 1943 sino alla Liberazione
- Tipologia: delazione, interrogatori
- Descrizione sintetica: accusato di aver commesso fatti diretti a favorire le operazioni militari del nemico, culminati con la partecipazione a rastrellamenti contro partigiani in Val Pellice, e favorito i disegni politici del tedesco invasore prestando opera quale tenente della Gnr addetto all’ufficio Revisione Stampa dell’Upi di Torino e informando il comando superiore della Gnr circa le risultanze della censura postale militare e civile, procedendo inoltre a interrogatori di arrestati politici, da esso talvolta percossi.

Denuncia:
- Tipologia: collettiva
- Data: 30.07.1945
- Autorità ricevente: ufficio del PM presso la Cas di Torino
- Nominativo / Autorità denunciante: Questura di Torino
- Tipologia denunciante: autorità italiana
- Sintesi denuncia: si denuncia Sergio Catino per appartenenza alla Gnr e iscrizione al Pfr
È presente una denuncia di Bruno Reggio e Lazzaro Cappelletto che accusano il Catino di aver malmenato i detenuti politici in via Asti. Dichiarano che questi, catturato sulla corriera a Ceres, confessò di aver partecipato ad un rastrellamento in Val Pellice. Durante l’interrogatorio dichiarò anche di voler collaborare con i partigiani facendo il doppio gioco, cosa che in seguito risultò falsa.

Arresto:
- Data e luogo: 16.07.1945, Milano
- Autorità procedente: Questura di Torino
- Sintesi verbale: appartenenza alla Gnr e all’Upi

Imputazioni: collaborazionismo politico e militare art. 51- 58 cpmg

Descrizione: imputato di collaborazionismo politico e militare aver commesso fatti diretti a favorire le operazioni militari del nemico, culminati con la partecipazione a rastrellamenti contro partigiani in Val Pellice, e favorito i disegni politici del tedesco invasore prestando opera quale tenente della Gnr addetto all’ufficio Revisione Stampa dell’Upi di Torino e informando il comando superiore della Gnr circa le risultanze della censura postale militare e civile, procedendo inoltre a interrogatori di arrestati politici, da esso talvolta percossi.

Posizione processuale: detenuto, costituito in giudizio

Difesa: Avv. Vittorio Chauvelot (di fiducia)

Esito della sentenza:
- Assoluzione / non luogo a provvedere: insufficienza di prove

- Motivazioni della sentenza: la Corte ritiene che non sia rimasto accertato che il Catino avesse svolto attività politica atta a favorire i disegni politici del nemico o a contrastare la campagna partigiana; all’Upi svolse un’azione unicamente burocratica che non concreta gli estremi del delitto ascrittogli. Per quanto riguarda la sua partecipazione al rastrellamento in Val Pellice, negata da numerose testimonianze, la Corte ritiene di non prestare fede completa alla prova emergente dalla deposizione di un solo teste che afferma che il Catino l’avesse interrogato. Il fatto di aver percosso un mutilato in cella in via Asti, fatto non accertato, non costituirebbe comunque reato di collaborazionismo politico perché commesso per un impulso iroso personale. Considerando le indiscutibili benemerenze acquisite dal Catino nel favorire la causa partigiana, si avvalora il dubbio sulla responsabilità oggettiva e soggettiva dell’imputato in merito al reato ascrittogli.

Impugnazioni/Giudizio di rinvio:
Non risultano impugnazioni.

Esecuzione della pena:

- Carcerazione preventiva: dal 16.07.1945 al 13.12.1945

- Pena: nessuna pena da scontare
13/12/1945
Collocazione archivistica del fascicolo processuale: ASTO, Sezioni Riunite, Corte d’Assise di Torino - Sezione Speciale, Fascicoli processuali, mazzo 241. Collocazione archivistica in Istoreto: fondo "Sentenze della magistratura piemontese (1945-1960)", busta D CSA 33, fascicolo e, n. 162.

0


Relazioni con altri documenti e biografie




De Luna Barbara 19/12/2022
Colombini Chiara 20/12/2022
visualizza

Esplora livello


export xml Scarica la scheda in formato XML  Includi documenti
Come citare questa fonte. Processo contro Catino Sergio (RG. N. 213/1945)  in Archivio Istoreto, fondo Processi Corti d'Assise Straordinarie del Piemonte e della Valle d'Aosta [IT-C00-FA17258]
Ultimo aggiornamento: sabato 19/12/2020