Accesso riservato

Profilo istituzionale: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea

Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea
Istoreto
Via Del Carmine, 13 - 10122 - Torino, TO
011 4380090  011 4360469   info@istoreto.it
www.istoreto.it Link esterno a questo sito
Claudio Dellavalle, presidente; Luciano Boccalatte, direttore, Barbara Berruti, vicedirettore).
Andrea D'Arrigo
dal lunedì al giovedì, ore 9-13 e 15-18; venerdì ore 9-13.
accesso con lettera di presentazione.
Cristina Sara
dal lunedì al giovedì, ore 9-13 e 15-18; venerdì ore 9-13.
acccesso libero, solo prestito interbibliotecario.
1995

Istoreto, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea "Giorgio Agosti"
privato
ente di istruzione e ricerca
L'Istituto storico della Resistenza in Piemonte nacque come progetto quando ancora sussistevano i Comitati di liberazione nazionale, su impulso del Presidente del Cln piemontese, Franco Antonicelli e di Alessandro Galante Garrone. Furono poi i medesimi membri del Cln che nel 1947 dettero vita all'Associazione per la storia della Resistenza in Piemonte e, poco dopo, all'Istituto storico. Dal 1995 l'Istituto ha assunto la denominazione attuale, in considerazione dell'attività archivistica, scientifica, didattica, che si estende a tutto il XX secolo.

Archivio.
Compito dell'Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea 'Giorgio Agosti'è quello di raccogliere, ordinare e conservare gli archivi del Cln e delle formazioni partigiane che operarono nella regione. Tutta la documentazione originale dell'Ufficio storico del Clnrp è custodita nell'archivio dell'Istituto. Essa è continuamente arricchita dai versamenti effettuati dai comandanti e dai partigiani appartenenti alle varie divisioni, oltre che da documenti appartenenti a organismi politici e da microfilm di carte americane, inglesi, tedesche, francesi. La sua attuale consistenza è di circa un milione e trecentomila documenti, la cui descrizione appare nella guida agli archivi della Resistenza, pubblicata dal Ministero per i Beni Culturali nella collana degli Archivi di Stato. Se ne cura attualmente l'informatizzazione, col programma ISIS - Guida adattato dagli Istituti storici della Resistenza.
Ai fondi cartacei si aggiungono i documenti custoditi nella nastroteca e nell'archivio fotografico.

Biblioteca.
La biblioteca e l'emeroteca, fondata sul nucleo delle raccolte del disciolto Cln piemontese, hanno una consistenza di volumi specializzati sulla storia del secondo conflitto mondiale, dall'antifascismo e della resistenza. Si segnala la disponibilità delle collezioni dell'Unità, edizione piemontese, "La Gazzetta del Popolo", "La Stampa", per il secondo dopoguerra.

Ricerca.
Sulla solida base documentaria dell'archivio, si è radicata un'intensa attività di ricerca e di pubblicazione, che ha prodotto monografie sulla lotta partigiana in Piemonte, sull'antifascismo clandestino e sul movimento operaio durante la crisi del regime (vedi catalogo).
Dagli anni ottanta, il campo delle ricerche si è allargato al periodo fra le due guerre (PNF; processi agli antifascisti) e al dopoguerra (analisi storico-sociologica dei nuovi ceti dirigenti della Repubblica, processi del dopoliberazione ricostruzione e processi di modernizzazione a Torino), ai temi di storia sociale, alla storia delle donne, all'analisi della composizione sociale del partigianato piemontese.
Accanto all'attività di ricerca, l'Istituto svolge una funzione di promozione culturale, con cicli di lezioni, convegni e mostre documentarie.

Didattica.
A partire dal 1977 è stato attivato un settore di ricerca sulla didattica della storia, con seminari annuali sulla metodologia dell'insegnamento storico, preparazione di "unità didattiche", di bibliografie, di schedari. Tale attività è rivolta al mondo contemporaneo. Si ricordano i cicli di lezioni "L'assetto mondiale da Yalta agli anni Novanta", "Identità nazionali della rivoluzione francese a oggi", "La Costituzione dalla fondazione della Repubblica ai nostri giorni", "Le maschere del razzismo", "Uomini e donne nella storia dell'Italia contemporanea" (corso dedicato alla storia in genere), "La fortuna del Risorgimento nella storia d'Italia" condotta anche in collaborazione con l'Irrsae, Provveditorato agli studi, Enti locali, "Dalla emancipazione delle minoranze religiose alle libertà costituzionali. Percorsi in cento anni di storia degli Ebrei e dei Valdesi (1848-1948)".
In sintonia con le direttive ministeriali sulla scuola dell'autonomia l'Istituto propone da alcuni anni delle sperimentazioni che hanno come temi principali l'esplorazione storico-documentaria degli archivi scolastici, la storia delle donne, l'educazione alla legalità, cittadinanza e territorio, media e storia.



Isrp, Istituto storico della Resistenza in Piemonte, Torino, (1949-1995)
Associazione per la storia della Resistenza in Piemonte, Torino, (1947-1949)

Fondi archivistici prodotti:

I Giovani e la Costituzione (mostra)
Istoreto. Attività
La lunga liberazione (mostra)
Scuola e fascismo (ricerca)
Scuola e leggi razziali (ricerca)

Relazioni con altri documenti e biografie

Srebrenica, Bosnia-Erzegovina

Collegamenti ad altri siti dell'Ente


Link esterno a questo sito
Link esterno a questo sito
Link esterno a questo sito
Link esterno a questo sito

Luciano Boccalatte
2006
04/01/2016
visualizza

Visualizza i contributi lasciati su questo documento

Come citare questa fonte. Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea  in Archos Biografie [IT BE2]
Ultimo aggiornamento: mercoledì 12/4/2017