Accesso riservato

Archivio: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea 'Giorgio Agosti'

C00
Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea 'Giorgio Agosti'
Istoreto
Visualizza il profilo istituzionale dell'Ente
La prima origine dell'archivio dell'Istituto storico della Resistenza in Piemonte (dal 1995 Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea), si può far risalire al gennaio 1945, quando il Cln regionale piemontese (Clnrp), ricostituì il suo ufficio di segreteria con cinque rappresentanti dei partiti del Comitato e uno stenografo (Fausto Frittita), e lo affidò alla direzione di Matteo Sandretti (Elia). Questi, che era funzionario degli Archivi di Stato, incominciò a raccogliere sistematicamente e - per quanto consentivano le regole cospirative - a conservare i documenti che gli pervenivano, dei quali fece il primo nucleo delle attuali raccolte: datano in effetti da quel periodo i soli verbali del Clnrp clandestino che ancora oggi possieda l'Istituto, tra i quali è da segnalare il prezioso resoconto stenografico delle riunioni tenute con la missione Medici-Tornaquinci nel marzo 1945. Dopo la liberazione il lavoro di raccolta poté essere continuato con metodo ed ebbe presto uno strumento istituzionale nell'Ufficio storico del Clnrp, che fu costituito nel luglio 1945 "per il reperimento e la raccolta sistematica dei documenti relativi agli sviluppi assunti nel campo militare e politico della lotta per la liberazione dalla tirannide nazifascista durante i venti mesi anteriori al 15 maggio 1945" e invitò nel mese stesso con una circolare tutti i partiti, Cln, sindaci, parroci, comandanti e comandi partigiani, responsabili di organizzazioni clandestine o di enti e semplici privati che avessero militato in quella lotta, a comunicare qualsiasi documento o notizia utile per la costituzione e poi per la pubblicazione dell'archivio storico del Clnrp. Nel medesimo archivio confluì, già prima della fine del 1945, anche il materiale documentario dell'attività militare partigiana che era stato raccolto, direttamente o attraverso i diversi uffici stralcio, dalla terza sezione - Archivio storico - dell'Ufficio stralcio del Comando militare regionale piemontese - Cmrp - fin dal giugno seguente la liberazione e che comprendeva soprattutto documenti posteriori alla liberazione e carte delle formazioni Garibaldi. L'Ufficio storico del Cmrp continuò poi l'opera di raccolta, particolarmente intensa in preparazione della mostra partigiana del 25 aprile 1946, a favore dell'archivio del Cln. In conseguenza di questa attività, come risulta dai primi inventari, fu riunita una documentazione sulla Resistenza armata riguardante quasi tutte le divisioni Garibaldi del Piemonte, la divisione Matteotti Italo Rossi, le formazioni autonome del Piemonte occidentale, il Cmrp, il Comando della Piazza di Torino, i vari comandi operanti al momento dell'insurrezione, e numerosi Cln; materiali ora riuniti nella prima sezione dell'archivio dell'Istituto. Un fondo cospicuo di documenti si unì poi a questi, con il versamento delle carte dei Cln piemontesi. Sollecitato dal Comitato regionale, esso avrebbe dovuto compiersi secondo modalità precise, indicate nella circolare 1954 dell'8 luglio 1946 che disponeva l'immediata cessazione dell'attività di tuttti i Cln piemontesi in conformità alle decisioni del convegno dei Cln regionali dell'Alta Italia, tenuto a Milano il 21 giugno di quell'anno. Era previsto che le carte fossero ordinate per materie, e accompagnate da elenchi descrittivi assai esaurienti, con brevi riassunti dei documenti. In realtà furono assai pochi i Cln che raccolsero l'invito, anche quando il termine della consegna fu spostato dal 31 agosto al 15 ottobre 1946 e ci si contentò di materiale non inventariato; si deve tuttavia aggiungere che un'ingente mole di documenti fu tuttavia acquisita e che, unita alla corrispondenza tra il Clnrp e i comitati dipendenti, essa forma ora la seconda sezione - di gran lunga la più ampia - dell'archivio dell'Istituto.
Modesti frutti dette invece l'opera dispiegata dai responsabili dell'Ufficio storico del Clnrp per ottenere documenti sulle attività politiche dei partiti antifascisti e carte fasciste. Un piccolo fondo poté essere raccolto in copia e fu incluso nella prima sezione. Giorgio Vaccarino che diresse l'Istituto nei primi anni continuò la ricerca dei documenti, che ebbe per risultato notevoli acquisizioni, come il rapporto finale della Special Force n.1, gli originali degli accordi di Saretto e Barcellonette con i partigiani francesi, il carteggio con il Piemonte della Gnr di Brescia, e altri. L'archivista Sandretti intanto ritrovava altri documenti militari e molte delle carte dei Cln provinciali non ancora versate. Si provvide, inoltre, con l'aiuto del segretario Sergio Cotta, a dare un miglior ordinamento a quanto si era raccolto con un lavoro che nel 1949 poteva dirsi concluso. Tutto il materiale depositato dapprima a Palazzo Cisterna, dove risiedé la Giunta consultiva regionale emanata dal Clnrp, e poi l'Isrp, fu trasportato anni dopo a Palazzo Carignano e lì rimase finché - venuti a mancare i locali in occasione delle celebrazioni di "Italia '61" - dopo un periodo di abbandono trovò finalmente sistemazione nella sede di via Fabro 6, grazie all'intervento di Giorgio Agosti. Nel 2003 l'Istituto ha trasferito le proprie collezioni in una più adeguata sede che la città di Torino ha destinato a tale scopo nel restaurato edificio juvarriano di via del Carmine 13.
Dagli anni Ottanta il campo delle ricerche si è allargato al periodo fra le due guerre (è stata effettuata la schedatura, in collaborazione con l'Archivio di Stato, del fondo del Pnf di Torino, con circa 100.000 fascicoli personali), al secondo dopoguerra (nuovi ceti dirigenti della Repubblica, processi giudiziari post liberazione), e si è rivolto ai temi di storia sociale, alla storia di genere, all'analisi della composizione sociale del partigianato piemontese, alla ricostruzione. Molte di queste ricerche hanno prodotto banche di dati informatizzate. L'interesse dell'Istituto ad indagare la storia politica, economica, sociale e militare piemontese, nel contesto nazionale e internazionale, ha portato all'acquisizione di fondi di rilievo: tra di essi l'archivio del Partito d'azione piemontese clandestino e postliberazione (1943-1947), il fondo della Federazione piemontese del Pli (1944-1990), l'archivio Laura Colonnetti-Fédération éuropéenne de sécours aux étudiants (1945-1950), le carte del Partito socialista versate da Giuseppe Lamberto (1945-1989), l'archivio della sede piemontese dell'Associazione ricreativa culturale italiana donato da Enzo Lalli, documenti in copia della Federazione torinese del Partito comunista italiano (1945-1980), donato da Giuseppe Garelli, l'archivio dell'Associazione famiglie martiri e caduti per la liberazione, le carte di Vito Damico (1944-1946), relative al Consiglio di gestione Fiat Mirafiori. Accanto ad essi sono stati acquisiti rilevanti archivi e carteggi di personalità: i fondi di Giorgio Agosti (1930-1982), di Aldo Garosci (1922-1999), di Filippo Frassati (1944-1968), di Amedeo Ugolini (1933-1946), di Giorgio Vaccarino (1947-1960), il carteggio di Willy Jerwis (1944-1962), e l'archivio di Umberto Zanatta (1940-1968). Nel 1997 è stato depositato, per volontà degli eredi, l'immenso archivio di Guido Quazza (1938-1996), riguardante l'intero suo percorso di storico, di docente e preside della Facoltà di magistero dell'Università di Torino e di presidente dell'Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia. Tra il 2005 e il 2007 sono stati acquisiti inoltre gli archivi di Bruno Vasari e Germano Facetti. Molti di questi nuovi fondi sono in corso di ordinamento.
Non è stata trascurata l'acquisizione di natura più strettamente resistenziale che hanno costituito notevoli arricchimenti, come le carte del Comando brigate Matteotti del Piemonte, il fondo del Comando del primo gruppo divisioni alpine autonome del maggiore Enrico Martini Mauri, l'archivio del Servizio informazioni militari Nord Italia di Aminta Migliari, le carte della Missione Oss Marina-Sophie di Gigi Segre, documenti della Organizzazione Franchi di Edgardo Sogno, donati da Giovanni Marengo, una prima parte dell'archivio di Pier Luigi Passoni, rappresentante socialista nel Clnrp e copia dell'archivio resistenziale di Arturo Colombi (1943-1945), versato da Nella Marcellino, il fondo di Bruno Carli (1943-2002). Si segnala il deposito, da parte dell'Associazione nazionale ex deportati e dell'Università di Torino, del rilevante archivio sonoro della deportazione piemontese.
E' stata importante l'acquisizione degli archivi della Resistenza valdese: i fondi di Frida e Roberto Malan, di Anna Marullo, di Giulio Giordano e di Poluccio Favout. Un cenno a parte merita la cospicua donazione dei documenti riguardanti la Resistenza canavesana, raccolti dai fratelli Elio e Ezio Novascone.
Accanto all'archivio, la biblioteca e l'emeroteca, fondate sul nucleo delle raccolte del disciolto Cln piemontese, specializzati sulla storia del secondo conflitto mondiale, dell'antifascismo, della Resistenza e della deportazione; tutti i volumi sono catalogati in Sbn.
La struttura attuale dell'archivio mantiene la suddivisione in sezioni così come venne a costituirsi nel riordino effettuato nei primi anni Settanta.
I fondi originari sono raccolti in due sezioni:
- Prima sezione:
comprende materiale politico e militare, quasi esclusivamente del periodo anteriore allo scioglimento delle unità partigiane ed è costituita da 164 buste e divisa in quattro sottosezioni.
- Prima sottosezione: attività diverse
Sotto questo titolo sono comprese 7 buste di documenti disparati ma di notevole importanza: spiccano tra questi le carte dell'organizzazione Franchi di Edgardo Sogno, i documenti sui rapporti con gli alleati, le carte raccolte da Domenico Riccardo Peretti-Griva sull'attività della magistratura durante la resistenza, la documentazione raccolta da Alessandro Galante Garrone composta di decreti e verbali del Clnai e del Clnrp del periodo clandestino.
- Seconda sottosezione: attività militari
In 96 buste è custodita la documentazione essenziale sulla guerra partigiana in Piemonte: documenti provenienti dal Comando generale del Cvl, gran parte dei documenti del Clnrp, del Comando formazioni autonome del Piemonte, della Delegazione per il Piemonte del Comando generale delle brigate Garibaldi, del Comando formazioni Gl, del Comando brigate Matteotti, dei Comandi delle zone operative partigiane e delle singole unità.
- Terza sottosezione: attività politiche
Costituita attorno al nucleo dell'archivio della segreteria del Clnrp clandestino, raccoglie in 6 buste parcelle documentarie di grande interesse ma non esaurienti di materiali relativi ai principali organi politici della resistenza: Cln, partiti, organizzazioni di massa.
- Quarta sottosezione: documenti vari
Sezione eterogenea, ma con documenti di grande rilievo, come il carteggio del Comando di Brescia della Guardia nazionale repubblicana con i comandi locali piemontesi, i caduti partigiani e carte varie di organismi della Rsi. Da segnalare anche la presenza di materiale tedesco di propaganda.
- Seconda sezione:
408 buste contengono quasi tutte materiale posteriore alla liberazione, proveniente in massima parte dai Cln provinciali e comunali dell'intera regione, e in minore misura dal Clnrp e da altri organi dipendenti dal Clnrp, divenuto dopo l'8 maggio 1945 Giunta consultiva. Di particolare rilievo le serie "Pratiche della Presidenza", "Commissione economica regionale" e "Commissione di epurazione".
I documenti dei Cln comunali, raccolti in fascicoli ordinati alfabeticamente per comune, riguardano le province di Torino, Asti, Alessandria, Cuneo, Novara e Vercelli, il Cln di Torino città, il Cln di Biella. Completa la sezione la documentazione dell'Ufficio stralcio Clnrp e degli uffici militari.
- Fondo Stampa Clandestina:
13 raccoglitori contengono la collezione di stampa clandestina.
- Fondo Archivio fotografico originario:
23 scatole contengono la documentazione fotografica raccolta originariamente nel 1945 dalla Fondazione solidarietà nazionale con lo scopo di acquisire materiale utile all'allestimento delle prime mostre partigiane, e dalla raccolta di ritratti dei caduti partigiani, iniziata dall'Ufficio storico del Clnrp per la creazione di un Albo dei caduti, progetto mai realizzato. La documentazione è aggregata sotto la segnatura 7.
- Fondo Miscellanea manifesti e volantini;
- Fondo Collezione oggetti.

I fondi di nuova accessione sono invece raggruppati in cinque sezioni, contrassegnate da una lettera, secondo l'oggetto prevalente della documentazione.
- Sezione A:
comprende i documenti di organizzazioni politiche, amministrative collegate con il movimento di liberazione e i fondi personali dei protagonisti.
- Sezione B:
comprende le carte più strettamente partigiane (formazioni e comandi).
- Sezione C:
comprende la documentazione posteriore alla liberazione e i documenti della Rsi, tedeschi e alleati.
- Sezione D:
comprende i documenti raccolti in ricerche specifiche.
- Sezione E:
in questa sezione è stato collocato l'archivio dell'Istituto storico della Resistenza in Piemonte, dalla sua fondazione, nel 1947, al 1965. Pur con lacune dovute alle vicende travagliate degli anni Cinquanta, si tratta di una documentazione rilevante soprattutto per il periodo della costituzione dell'Istituto - il primo ad essere fondato in Italia - e per l'azione svolta dai protagonisti della Resistenza in collaborazione con gli Archivi di Stato per la salvaguardia del patrimonio archivistico. Vi è presente anche documentazione riguardante la creazione dell'Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia di cui l'Istituto piemontese fu promotore nel 1949 insieme all'Istituto ligure.

Il primo inventario sistematico dell'archivio venne redatto da Gianni Perona nella Guida sommaria agli archivi degli Istituti di storia della Resistenza nel 1974; in esso comparivano quasi esclusivamente le sezioni dell'archivio originario, ricostruito nell'ordinamento dato dai primi archivisti, pur con segnature mutate.
Il cospicuo accrescimento dell'archivio nel decennio 1972-1982 venne documentato nel nuovo inventario curato da Gianni Perona con la collaborazione di Luciana Benigno Ramella e pubblicato nella Guida agli archivi della Resistenza [www.istoreto.it/archivio/Guida_1983.pdf'] del 1983; ad esso si rimanda per più ampie notizie e per la descrizione della struttura dell'archivio originario, nonché per le accessioni fino a quell'anno. Nell'ultimo quindicennio, l'ampliarsi degli ambiti di ricerca e il consolidarsi del prestigio scientifico dell'Istituto hanno avuto come risultato un accrescimento delle donazioni e dei depositi di fondi tale da portare al raddoppio del patrimonio archivistico. Si dà conto di questo sviluppo nella nuova Guida agli archivi della Resistenza, a cura di Andrea Torre, Roma, Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione generale per gli archivi, 2006.
Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea 'Giorgio Agosti'

Vaccarino Giorgio e al., L'insurrezione di Torino, Parma, Guanda, 1968
Catalogo della stampa periodica delle biblioteche dell'Istituto nazionale e degli Istituti associati, Milano, Insmli, 1977
Guida alle fonti anglo-americane 1949-1950, De Marco Paolo e al. (cur.), Milano, Insmli, 1981
Profilo di un'istituzione culturale. L'Istituto storico della Resistenza in Piemonte, Torino, Isrp, 1990, [(vol II, 1997)]
Guida agli archivi della Resistenza, Torre Andrea (cur.), Roma, Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione generale per gli archivi, 2006, pp.89-104
Ufficio Centrale per i Beni archivistici, Fonti orali. Censimento degli istituti di conservazione, Roma, Mbca, 1993
Guida sommaria all'archivio, Perona Gianni (cur.) in Guida agli archivi della Resistenza, Milano, Insmli, 1974, pp. 193-294
Atti del Comitato di liberazione nazionale regionale piemontese e della Giunta regionale di governo in Aspetti della Resistenza in Piemonte, Torino, Book Store, 1977, pp. 377-473
Guida agli archivi dell'Istituto storico della Resistenza in Piemonte, Perona Gianni, Benigno Ramella Luciana (cur.) in Guida agli archivi della Resistenza, Roma, Mbca, 1983, pp. 111-246
372
117   3196
  1. Adam Augusto
  2. Agosti Giorgio
  3. Arata Guido
  4. Archivio della deportazione piemontese
  5. Aronica Gaetano
  6. Associazione nazionale famiglie martiri e caduti per la liberazione
  7. Associazione volontari della libertà
  8. Bandiere dei lavoratori
  9. Barton Paul
  10. Benna Aurora
  11. Berra Gabriele
  12. Bertot Federico e Maria
  13. Bertotti Ruggero
  14. Bogliolo Mario
  15. Borghetti Fulvio
  16. Bottazzi Giovanni
  17. Brauwers Heinz
  18. Brecko Paolo
  19. Brosio Edoardo
  20. Buozzi Orlando
  21. Burzio Domenica e Maddalena
  22. Carli Bruno
  23. Carretto Giorgio
  24. Cln di Cirié
  25. Coda Anton Dante
  26. Collegio San Filippo Neri, Lanzo Torinese
  27. Conti Agostino
  28. Corinaldi Lia
  29. Cosa Piero e Francesca
  30. Costa Letterio
  31. Dall'antifascismo alla Resistenza. Lezioni 1960
  32. Dalmazzo Faustino
  33. Damico Vito
  34. De Benedetti Carla
  35. De Luna Giovanni
  36. Documentazione della Procura Militare della Repubblica presso il Tribunale Militare di Torino concernente crimini nazifascisti (in copia digitale dall'Archivio storico della Camera dei deputati)
  37. Dosio Luigi
  38. Egidi Bouchard Piera
  39. Fabbri Paolo
  40. Fantino Alfredo
  41. Fortuna Flavio
  42. Galante Garrone Alessandro. Carte di lavoro
  43. Galante Garrone Alessandro. Corrispondenza
  44. Galante Garrone Carlo. Stampa
  45. Garosci Aldo
  46. Gattullo Giuseppe
  47. Gignone Michele
  48. Grosa Nicola
  49. Guglielmino Gian Luigi
  50. Isrp. Diari e memorie
  51. Isrp. Fondi originari: Prima sezione
  52. Isrp. Fondi originari: Seconda sezione
  53. Isrp. Miscellanea manifesti e volantini
  54. Isrp. Stampa clandestina
  55. Istituto storico della Resistenza in Piemonte
  56. Istoreto. Attività
  57. Jervis Willy
  58. Jona Raffaele
  59. La lunga liberazione (mostra)
  60. Lamberto Giuseppe
  61. Leoni Bruno
  62. Levi Arian Giorgina
  63. Maietti Ettore
  64. Malan Frida
  65. Marcora Giovanni
  66. Maruffi Ferruccio
  67. Marullo Anna
  68. Mascarini Eros
  69. Mautino Felice e Nicodano Giorgio
  70. Mengani Chiara Lucia / Balbis Franco
  71. Michelotti Tommasino
  72. Migliari Aminta
  73. Miletto Enrico
  74. Missione Glass e Cross
  75. Monchiero Giuseppe
  76. Muraro Chiara
  77. Novascone Elio e Ezio
  78. Occupazione italiana in Francia (in copia dall'Imperial War Museum)
  79. Ocleppo Giovanni
  80. Pagliaretta Carlo
  81. Pansa Giampaolo
  82. Parmentola Vittorio
  83. Partigianato piemontese. Banca dati
  84. Partito comunista italiano Federazione di Torino (in copia dall'Istituto Gramsci di Roma)
  85. Partito d'Azione piemontese
  86. Partito liberale italiano. Federazione piemontese
  87. Penati Fausto
  88. Piana Carla
  89. Poma Anello
  90. Quazza Guido
  91. Rainone Pasquale
  92. Ranghino Sergio
  93. Rapa Giovanni
  94. Resistenza nelle Langhe
  95. Rigassio Angelo
  96. Sacco Marisa
  97. Sacerdote Ugo e Emma
  98. Santhià Battista
  99. Savio Guglielmo
  100. Scagliarini Luciano
  101. Scuola e fascismo (ricerca)
  102. Scuola e leggi razziali (ricerca)
  103. Segre Bruno
  104. Segre Luigi
  105. Tarallo Mario
  106. Tempia Elvo
  107. Testori Lucia e Renato
  108. Trainelli Armando
  109. Ufficio regionale del lavoro - Piemonte
  110. Vaccarino Giorgio
  111. Vanossi Lorenzo e Giuseppe
  112. Vasari Bruno
  113. Vaudano Michele
  114. Viviani Fausto
  115. Zanatta Umberto
  116. Zaninetti Libano Andreina
  117. Zaro Mario e Ernesta
Boccalatte Luciano 2003
D'Arrigo Andrea 05/04/2017
visualizza
Ultimo aggiornamento: mercoledì 5/4/2017